Argomenti correlati:

Le pre-autorizzazioni consentono al beneficiario di effettuare un blocco temporaneo (fino ad un massimo di 6 giorni lavorativi) di un importo specifico sulla carta di pagamento del pagatore.

Questa funzionalità viene utilizzata quando il beneficiario deve garantirsi l’incasso per la fornitura di un bene o servizio di cui non conosce ancora l’importo esatto o che comunque non è stato ancora fornito. Serve altresì in sostituzione di depositi cauzionali in caso di noleggio di beni.

Le pre-autorizzazioni non generano alcun movimento sulla carta ma prenotano i fondi; la transazione di addebito può essere effettuata dal beneficiario entro 6 giorni lavorativi per un importo pari o inferiore all’importo pre-autorizzato.

Le pre-autorizzazioni sono particolarmente indicate per le attività di noleggio, per la ricettività turistica, e in qualsiasi fornitura di beni o servizi quando si vuole essere garantiti preventivamente del pagamento.

Qui di seguito è illustrato il processo di una Pre-autorizzazione utilizzando il VIRTUAL POS di Incasso Semplice:

 

 

Beneficiario e pagatore si accordano sull’importo da pre-autorizzare per la fornitura del bene/servizio.

 

Il beneficiario invia il link (la richiesta) di pagamento pre-autorizzato al proprio pagatore, attraverso la piattaforma, tramite mail/sms. Il link di pagamento può, in alternativa, essere generato come QR CODE e mostrato al proprio pagatore che può inquadrarlo e procedere al pagamento.

 

Il pagatore apre la pagina di pagamento dal proprio device (smartphone, tablet o pc), inserisce i dati della propria carta (che vengono memorizzati in maniera sicura) e autorizza la pre-autorizzazione. In questa fase l’importo pre-autorizzato rimane momentaneamente bloccato (fino ad un massimo di 6 giorni lavorativi).

 

 

Alla fornitura del bene/servizio il beneficiario potrà procedere, attraverso la piattaforma, allo sblocco della pre-autorizzazione con conseguente accredito sul proprio wallet e addebito sulla carta del pagatore. In questa fase il beneficiario può sbloccare la pre-autorizzazione anche per un importo inferiore rispetto a quello concordato, ma mai superiore a quest’ultimo.

 

 

Sia in fase di pre-autorizzazione che di sblocco di quest’ultima, beneficiario e pagatore riceveranno una mail riepilogativa dell’importo pre-autorizzato e di quello effettivamente accreditato/addebitato alla fornitura del bene/servizio.

Argomenti correlati: